Intervista ai campioni 2018

Con qualche mese di ritardo, pubblichiamo l’intervista ai vincitori del campionato 2018: Deportivo La Carogna.
Raccontateci qualcosa di voi: età, provenienza, occupazione?
Filippo e Lorenzo, nati circa 28 anni fa sulla costa est, a Pesaro. Ci muoviamo tra giornalismo e comunicazione, forti di utilissimi studi in relazioni internazionali e divertenti scambi all’estero con i soldi dell’Unione Europea.
Era la prima volta che giocavate al Fantamorto? Come l’avete conosciuto?
Sì, era a prima volta. Filippo era qualche anno che ci pensava e lo proponeva, sempre senza successo. Ma chi la dura la vince, o muore provandoci… Entrambi comunque conoscevamo il gioco grazie a qualche amico che ce ne aveva parlato, tuttavia mai avevamo preso parte.
Come avete costruito la squadra, avete scelto a caso o avete cercato informazioni sui vostri morituri?
Avevamo costruito la squadra in maniera molto meno analitica rispetto a quest’anno, alcuni decessi iniziali però avevano scatenato virtuose reazioni a catena che ci avevano permesso una fuga progressiva e costante, anche senza giocatori in grado di fare punti tutto l’anno. Avevamo creduto molto in Bernardino Piñera Carvallo, il più anziano vescovo cattolico in vita, statisticamente record che si aggiorna ogni 8 mesi (dati alla mano). Il Signor Bernardino però è ancora lì, lotta come un leone, e ci toccherà schierarlo anche per il prossimo campionato, probabilmente.
Nella vostra squadra avevate pezzi da 90 come Charles Manson e Salvatore Riina, persone di un certo calibro nell’economia del gioco: siete fieri di averli schierati?
Sì, effettivamente Riina è stato un colpo azzeccato, non ci aspettavamo fosse il primo ad andarsene. Manson l’abbiamo comprato sfruttando uno dei due posti generati dal boss, l’avevano appena ricoverato: è stato come rubare le caramelle un bambino, troppo facile. Vorremmo dirci fieri, ma siamo stati anche fortunati.
Come mai in questo campionato non state ottenendo gli stessi risultati?
Forse un po’ ci siamo adagiati sugli allori. O comunque ci piace pensarlo, e ci autoassolve dirlo. Sicuramente seguiamo meno.
Avete qualche tecnica da condividere con gli altri giocatori?
Nessuna tecnica innovativa ai più. Utilizzo di Google con parole chiave studiate (un classico, crediamo). E qualche intuizione, certo, oltre a inevitabili cantonate. Guidando lo scorso campionato, ci è capitato di notare come le squadre inseguitrici tendessero a replicare in maniera speculare i nostri acquisti: per quanto ovviamente ne fossimo lusingati all’epoca, ci sentiamo di sconsigliare tale comportamento, poiché per ovvi motivi matematici non potrà mai portare al sorpasso.
Pensate che ci sia qualcosa di migliorabile nel Fantamorto?
Sarebbe bello poter discutere l’inserimento di alcuni personaggi non presenti su Wikipedia. Silvia Romano, per esempio, dovrebbe poter essere schierata? Parliamone.
Con questa importante vittoria come è cambiata la vostra vita?
Molto. Ci vantiamo spesso di aver (stra)vinto al primo tentativo. A volte qualcuno, in malafede, non è convinto che Deportivo La Carogna sia la nostra squadra, e allora sfoderiamo nickname e password e tutti muti. Questo campionato sta volgendo al termine senza infamia e senza lode, per quanto ci riguarda. Siamo già con la testa al prossimo, e non vediamo l’ora che inizi!

Questi i morituri che sono andati a punti per la squadra

John McCain
George H. W. Bush
Bill Cosby
Salvatore Riina
Stefán Karl Stefánsson
David Cassidy
Charles Manson
Jiří Menzel
Leah Bracknell
Salvador Sobral
Gillo Dorfles
Johnny Hallyday
Ric Flair
Jair Bolsonaro
Suge Knight

Affisso il 5 Set 2019, in Fantamorto

Seguici su Instagram

Lascia il tuo commiato